La magia del SANSCRITO

Il linguaggio degli Dei

L’uso del sanscrito produce un cambiamento profondo nelle persone grazie alle sue particolari vibrazioni sonore.

La letteratura vedica dichiara che il canto in sanscrito è un modo potente estremamente piacevole per le persone per trasformare e risvegliare, un veicolo magico per l’accesso a stati superiori di coscienza. E ‘opinione diffusa che il sanscrito è la più antica lingua esistente sulla terra, derivante dall’India dai tre ai cinque mila anni fa.


Considerata la base di molte delle lingue del mondo, il sanscrito ha legami con greco, latino, le lingue romanze, e le lingue del Medio Oriente. La parola “sanscrita” significa “raffinato”, “uniti” o “perfetto”, che indica che si tratta di un linguaggio altamente regolamentato e ordinato in termini di grammatica.

I linguisti hanno identificato circa 54 vibrazioni di base e hanno scoperto che il sanscrito deriva da questi suoni originali, sono emerse poi tutte le altre lingue da questi modelli di suono, ma alla fine sono diventati sempre più rimossi dalla fonte.

C’è una storia mitologica circa la derivazione di sanscrita che merita una menzione. Secondo questo resoconto, Brahma (la forza creativa del Divino) ha parlato conoscenza vedica in sanscrito ai deva (esseri superiori) che a loro volta passavano le informazioni dalle sfere celesti di mistici che erano in profonda meditazione, che vivono in ambiente incontaminato stato e in sintonia con le energie sottili.

Così sanscrito è una lingua “sentito” e indicato come Devanagari da “deva”, che significa “Dio” e “nagari” che significa “città”, e tradotto come “il linguaggio degli dei.”

Come il latino, il sanscrito non era una lingua parlata, ma piuttosto un linguaggio in cui preghiere e mantra sono stati scritti e cantati. Oggi stiamo riscoprendo questa bellissima lingua, significativa non solo perché è antica e grammaticalmente raffinata, ma anche perché i
suoni delle parole in sanscrito sono rappresentazioni altamente accurate di densa materia fisica in modulo sonoro con capacità mistiche.

Per gli yogi, quello che potrebbe essere più interessante è che il sanscrito ha la capacità di creare effettivamente guarigione attraverso la sua vibrazione, dal momento che i mantra in sanscrito influiscono direttamente sui chakra (centri energetici), organi e il sistema nervoso.

Anche se è certamente importante per comprendere il significato dei canti, il loro potere risiede principalmente nel reale suoni stessi, che misticamente permettono benedizioni a manifestarsi intorno e dentro di noi. Lavorando con canti in sanscrito si purificherà la nostra mente e le emozioni di modelli negativi per creare nuove condizioni positive che elevano noi stessi e l’Universo in generale.



Lascia un commento